Just another WordPress.com site

Archivi Mensili: febbraio 2011

ACCADEMIA


Metronom presenta ACCADEMIA, una mostra che riunisce opere fotografiche di Eric Davanzo, Vincenza De Nigris, Arianna Galli, Olson Lamaj, Alessandro Ligato, Annachiara Lodi, Jianan Wang. Realizzata in collaborazione con l’Accademia di Brera, la mostra comprende sette giovani artisti accomunati dall’esperienza di studio, con l’intento di proporre una lettura di possibili nuovi scenari per la giovane fotografia italiana.

La possibilità ottica che si genera all’interno di una stanza è il pretesto all’origine del lavoro di Eric Davanzo. Camere Obscure, stanze sottosopra, è un disordine derivato da una visione spiazzante, dai canoni di sotto e sopra sovvertiti, da veri e propri giochi gravitazionali. Si dà forma ad un rapporto tra realtà e proiezione della stessa che indugia sul silenzio, sullo stupore che è alla base del processo del vedere. La realtà infatti offre superfici, supporti e “stanze”, quindi luoghi, a quella che altrimenti sarebbe una continuazione ininterrotta, un peregrinare della luce.

Intimate Nostalgia è il titolo della serie di fotografie che Vincenza De Nigris ha realizzato nel tentativo di raccontare i sentimenti umani, una indagine che si traduce in immagini fotografiche con piani sentimentali, impalpabili, intimistici e vagamente romantici. Attraverso le immagini l’artista costruisce un percorso narrativo che si serve del cromatismo e della luce per ricreare micro racconti, storie impercettibili che parlano di soggetti e oggetti ritrovati.

Memorie in Vendita raccoglie una serie di opere di Arianna Galli realizzate sul confine sottile tra storia e documentazione. Sono oggetti etichettati, disposti su ripiani nelle vetrinette dei negozi delle pulci, svuotati del loro passato, in attesa di essere venduti o, più spesso, svenduti. La scelta di rivendere le cose vecchie non viene intesa dall’artista come lo sbarazzarsi delle cianfrusaglie inutili o l’atto brutale di cancellazione della memoria propria o di altri, ma il divenire nuovi contenitori di memorie ancora sconosciute, che portano su di sé il segno del nostro passaggio, la prova tangibile della nostra esistenza, del nostro essere stati.

La ricerca artistica di Olson Lamaj pone l’accento sull’attuale condizione giovanile. Rinchiusi in stereotipi, persi in un tempo che non è più a loro disposizione, i giovani d’oggi sembrano travolti da una società che tenta ad ogni costo di dar loro un’immagine.  Nelle città perdono i loro sogni e, costretti al coraggio e alla fatica, sopravvivono nei loro spazi interiori. L’obiettivo dell’artista non è rivolto ai loro abiti alla moda ma ai loro occhi, ai loro sguardi, ai loro pensieri.

Con il termine moleosofia si intende la pratica divinatoria svolta attraverso l’analisi delle imperfezioni;  le fotografie di Alessandro Ligato, concepite all’interno di questa pratica, si pongono come una rivelazione della divinazione. L’artista ci svela una raccolta di simboli, una serie di tracce e di luoghi un tempo vissuti; segni resi immortali dallo strumento fotografico in un fuori – tempo, o un tempo – sospeso ma istantaneo, che si trasformano in tracce fotografiche immutabili e costanti.

Annachiara Lodi presenta BAGS, una ricerca condotta nell’inverno del 2010, con l’intento di documentare le mutazioni anatomiche e della postura dell’individuo in base ai pesi che porta. Un mercato rionale in centro a Milano diventa lo scenario per questo intenso lavoro di reportage, che trova nella borsa della spesa l’oggetto che costituisce allo stesso tempo il peso reale e un simbolico fardello. L’ampio corpus di scatti, sottoposto a meticolosa selezione, rivela una serie di figure che si distinguono per staticità e plasticità.

Gli scatti fotografici di Jianan Wang pongono una riflessione sul continuo mutamento del paesaggio metropolitano di Milano sottolineando i contrasti, i paradossi che le nuove architetture “verticali” ingenerano sul paesaggio urbano preesistente, in un contesto storicamente stratificato come quello italiano. La fotografia è intesa come riflesso, come una dimensione del mondo; attraverso le sue rielaborazioni Wang registra in modo soggettivo la nuova architettura di Milano.

A cura di: Marco Signorini

Inaugurazione: Sabato 19 febbraio ore 18.30

Date: 19 febbraio – 27 marzo 2011

Annunci

ITALIENS


In mostra nei locali dell’Ambasciata d’Italia a Berlino le opere di nove artisti italiani residenti nella capitale tedesca.

Giunta alla seconda edizione, ITaliens apre le porte alle nuove generazioni di artisti italiani residenti a Berlino per offrire loro una vetrina istituzionale.

I nove artisti selezionati, nati nel ventennio 1962-1982, hanno l’opportunità di misurarsi con la vivace scena artistica internazionale berlinese e contemporaneamente dialogare in un ambiente ricco di storia.

Residente a Berlino dal 2008, Rosa Barba presenta un lavoro filmico nel quale testi, immagini e materiale sonoro confluiscono e si confondono fino a rendere difficile e incompleta la lettura della narrazione.

La mostra prosegue con due installazioni sonore rispettivamente di Riccardo Benassi e Andrea Melloni: la prima reagisce alla presenza dei visitatori emanando suoni ad intermittenza che agiscono sulla percezione dell’ambiente e creano un effetto di spaesamento mentre la seconda è concepita per il giardino d’inverno dell’Ambasciata; trentacinque piccole panche di legno provenienti dalla Cina trasformano l’ambiente in un luogo fiabesco e onirico, generando fruscii e suoni misteriosi al passaggio dei visitatori.

Antonio Catelani espone opere scultoree che,  nonostante il carattere astratto e minimale, hanno un richiamo antropomorfico e rimandano alla tradizione dei busti e delle statue dell’arte italiana. Tra scultura e pittura si colloca il “dipinto gravitazionale” di Paolo Chiasera, realizzato versando in più momenti cento litri di colori ad olio per terra fino a formare un cerchio del diametro di circa due metri e dello spessore di circa un centimetro.

I disegni di Jonatah Manno rappresentano paesaggi surreali, minuziose vedute di fantasia, che  contengono storie da decifrare, rebus da ricostruire tramite gli indizi rappresentati.

Il duo Vedovamazzei ironizza sull’atto mancato: parole mai scritte su lettere mai spedite o cestinate diventano sculture da tramandare ai posteri; sculture che somigliano a carta stropicciata, resti di corrispondenza dimenticata.

Sono fortemente legati al contesto della città di Berlino, dove sono stati prodotti, i lavori di Luca Vitone e Martina Della Valle. La serie di tele di Luca Vitone è stata realizzata esponendo alle intemperie, per quattro mesi, delle tele di cotone bianco posizionate sui tetti di edifici di Berlino. Smog, polvere e agenti atmosferici hanno impregnato e modificato le tele fino a generare quadri monocromi.

L’intervento site-specific di Martina Della Valle riporta l’Ambasciata a uno stato antecedente al restauro. L’artista ha trasformato parte della galleria adiacente ai saloni di rappresentanza inserendovi uno scorcio a grandezza naturale di un appartamento semidiroccato fotografato in un quartiere di Berlino. Urban Impression – Berlin Weserstrasse#2 è un’installazione composta di circa 300 fogli di carta A3 stampati e ricomposti come un puzzle dall’artista sulla parete di circa 25 mq. Le tracce lasciate sulle pareti da muri rimossi, intonaci scrostati, tappezzerie strappate assumono una valenza di intimità quasi fisiologica. L’impronta delle vite private vissute da generazioni di inquilini ora assenti, è impressa come un quadro sulle pareti degli edifici non ancora rinnovati o in demolizione.

20 ottobre 2010 – 1 aprile 2011

ITALIENS II

A cura di Alessadra Pace e Marina Sorbello

Artisti:

Rosa Barba | Riccardo Benassi | Antonio Catelani | Paolo Chiasera | Martina Della Valle |

Jonatah Manno | Andrea Melloni | Vedovamazzei | Luca Vitone

Ambasciata d’Italia, Berlino

La mostra è visitabile su appuntamento il lunedì pomeriggio.

Per registrarsi: eventi.berlino@esteri.it

http://www.ambberlino.esteri.it/Ambasciata_Berlino