Just another WordPress.com site

Archivi Mensili: luglio 2013

Non esiste nessun soggetto non fotografato o non fotografabile


Il repertorio di immagini per questo settore della fotografia comprende oggetti in equilibrio e accatastati, i bordi o gli angoli di cose, spazi abbandonati, spazzatura e rovine e anche forme fugaci e effimere, come la neve, la condensa, la luce. Questo inventario può apparire come una lista di cose insignificanti e transitorie, oggetti che a malapena costituirebbero dei soggetti appropriati per delle fotografie. Ma si deve essere prudenti nel considerare questo genere di fotografia come se essa avesse a che fare essenzialmente con il rendere visibili dei non-soggetti o delle cose del mondo che non hanno alcun simbolismo visivo. In realtà non esiste nessun soggetto non fotografato o non fotografabile. Spetta a noi stabilire il significato di un soggetto, sapendo che deve averne uno, perché l’artista lo ha fotografato dichiarandolo, di conseguenza, significativo.

Charlotte Cotton, La fotografia come arte contemporanea, Torino, Einaudi 2010

 

Senza titolo

 

 

 

 

 

 

 

© Laura Letinsky Untitled #54 from the series Hardly More Than Ever, 2002

Annunci

Da trentacinque anni lavoro alla carta vecchia


Così sto poi nella nube di polvere e nella musica del crepitio e penso al mio lavoro nel profondo del magazzino dove sta la mia pressa, alla quale lavoro da trentacinque anni alla luce delle lampadine, sopra di me sento dei passi aggirarsi per il cortile, e da un’apertura nel tetto del mio magazzino si riversano come dal cielo le mie cornucopie, i contenuti dei sacchi, casse e scatole che riversano nell’apertura in mezzo al cortile carta vecchia, steli appassiti di fiorerie, carte dei grandi magazzini, programmi e biglietti scaduti e bustine di cremini e cassate, cartoni inzaccherati di imbianchini, mucchi di carta bagnata e insanguinata delle macellerie, trinciature taglienti di studi fotografici, il contenuto dei cestini di uffici comprese le bobine delle macchine da scrivere, mazzi di fiori per i compleanni e gli onomastici già avvenuti, a volte nel magazzino mi cade una pietra di selciato avvolta in un giornale affinché la carta pesi di più, e per errore coltelli e forbici da cartone gettati via, martelletti e pinze per estrarre chiodi, coltellacci da macellaio e tazze con caffè nero rappreso, a volte anche un mazzo di fiori da sposalizio sfiorito e una corona funebre artificiale fresca.

Bohumil Hrabal, Una solitudine troppo rumorosa, Torino, Einaudi 2002

aaa

 

 

 

 

 

 

 

Lisa Kereszi, Joe Jr. sitting on chair in office, 2002

Corrispondenze


blogg