Just another WordPress.com site

Archivi delle etichette: Martin Parr

A che penso?


A che penso? Penso a una salsiccia. E’ terribile. Giovani, uomini che servite lo stato, su cui lo stato ripone le sue speranze, osservatemi accuratamente e prendetemi come esempio ammonitore, poiché sono caduto in basso. Non riesco a liberarmi dal pensiero che ancora poco fa possedevo una salsiccia, la quale ora è perduta per sempre. L’ho estratta dal guardaroba e in tale occasione l’ho mangiata. Con gusto evidentemente fin troppo sincero ho consumato ciò che potrebbe essere ancora presente, se non l’avessi divorato. Pochi minuti fa la migliore e succulenta salsiccia era ancora qui in carne e ossa e ora, per effetto di un trangugiamento malauguratamente fin troppo precipitoso, la gustosa salsiccia è sparita e non me ne consolo. Ciò che poco fa era ancora qui è perso, e mai nessuno me lo restituirà. Ho mangiato ciò che mai e poi mai avrei dovuto mangiare così velocemente, ciò che avrei fatto meglio a non assaporare mai e poi mai con tanta fretta. Ho divorato ciò che ancora adesso potrebbe stuzzicarmi, se avessi resistito alla cupidigia. Deploro profondamente di non aver resistito alla cupidigia e di aver consumato colei che, ancora pochi minuti fa, stava fresca  e rossa a mia disposizione, ma che mai e poi mai sarà più a mia disposizione, poiché l’ho consumata affrettatamente.

Robert Walser, Pezzi in prosa, Quodlibet, Macerata 2009

Senza titolo

 

 

 

 

 

 

 

© Martin Parr, Untitled (sausage tubes), dalla serie British Food, 1995

Annunci

Il libro fotografico è vivo. (ma l’Italia non se ne accorge)


La frequentazione di Parigi durante Paris Photo regala spunti a prescindere dalla fiera, peraltro sempre affollatissima nonostante l’upgrade della nuova sede del Grand Palais.

Ma partendo proprio dall’appuntamento clou non si può fare a meno di rendicontare su come gli stand degli editori fossero affollati di curiosi sì, ma con carta di credito in mano.

Crisi dell’editoria? Il libro d’arte non si vende? A giudicare dalla fila con transenne nello stand di Steidl non si direbbe. Complice un raffinato e curato catalogo editoriale, che alterna  proposte di autori emergenti o curate edizioni di artisti affermati a oculati e commercialmente appetibili riscoperte, la casa editrice tedesca si conferma, se mai ce ne fosse bisogno, un punto di riferimento. E grazie a un serrato programma di booksigning stuzzica il collezionista seriale così come il “solo potenziale” acquirente, che raramente resiste all’idea del feticcio. E così tra una edizione limitata di Martin Parr “The protest Book” 1000 copie a 380 euro e una trilogia a colori di Eggleston, tutti in coda per una dedica d’autore.

Da contraltare all’ostentazione decisamente charmant del Grand Palais, la seconda edizione di offprint non tradisce le attese. Negli spazi essenziali ma funzionali la fiera si propone come luogo di incontro e presentazione per emergenti nel campo della fotografia e per editori indipendenti.

E’ quindi un piacere aggirarsi tra i banchi spartani delle aule-sale alla ricerca o alla scoperta di libri introvabili perché al di fuori delle logiche di grande distribuzione o semplicemente piacevoli scoperte.

Quindi il privatissimo Mum&Dad di Terry Richadson, omaggio parentale che non risparmia decadenza e sofferenza in un rigorosamente nero cofanetto per  l’inglese Mörel Books, già presentato con onori e gadget di circostanza da Colette. O le edizioni giapponesi di abp passando per un territorio di riviste, sottobosco tutt’altro che di secondo piano.

Non manca la circostanza il ras tedesco Walter Konig e nemmeno la già citata Steidl con l’etichetta partner MACK. Non si fanno attendere quelli di selfpublish, cavalcando le difficoltà di promozione degli autori propongono un servizio più che dignitoso e di qualità.

E l’Italia? Non c’è traccia.

Eppure non è possibile pensare che non siano stati ammessi a partecipare. La tradizione italiana vanta iniziative editoriali indipendenti di tutto rispetto e come mancare allora un’occasione così ghiotta?