Just another WordPress.com site

Archivi delle etichette: wundercamera

Piacere stereoscopico


Quando ripenso al piacere stereoscopico del quadro alla luce naturale, al rilievo impalpabile ma reale che sembra nascere da due sensazioni, una sensibile all’occhio e l’altra alle dita e che, confuse, tracciano dinanzi a noi un ritratto apparentemente veridico del mondo nel quale viviamo, mi sembra tuttavia che ciò non abbia nulla delle illusioni ottiche destinate a farcene cogliere la profondità. Somiglia piuttosto all’esperienza spirituale che consiste nel godere di un doppio senza gravità e come immateriale di un mondo liberato dal peso saturniano delle cose.A questa esultanza, il sole apportava la sua forza di levitazione, mentre la luce elettrica conferisce il colore terreo delle sue scorie.

Jean Clair in Breve trattato delle sensazioni,  pag.91, Diabasis, Reggio Emilia 2008

 

Marco-Signorini

 

 

 

 

 

Dove siamo noi nel tempo, 2012

Annunci

Un pretesto


Sì, io mi arrabbio quando vado a vedere mostre dove l’opera è diventata un pretesto, un alibi, che deve solo tingere un contatto tra il pubblico e il presunto artista. Se vado in un museo o in una galleria, non vado a vedere la vita, cerco qualcosa che si distingua dal puro reale, che abbia magari anche pallidamente a che fare con un’idea, se ci è ancora concesso questo termine.

Giulio Paolini, intervista di Marco Vallora, Povera ma bella, in “Specchio”, supplemento del quotidiano “La Stampa”, Torino, 17 febbraio 2001, pp. 109-116.

 

PAOLINI-BLOG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giulio Paolini, Copia e Originale, 2011