Just another WordPress.com site

Archivi delle etichette: John Berger

un eterno presente


Lo spettacolo crea un eterno presente di aspettative immediate e la memoria cessa di essere necessaria o desiderabile. Con la perdita della memoria abbiamo perso anche la continuità di significato e di giudizio. La macchina fotografica ci solleva dal peso della memoria. Come Dio, ci sorveglia e sorveglia in nostra vece. Ma nessun altro dio è mai stato così cinico, poiché la macchina fotografica registra allo scopo di dimenticare.

John Berger, Sul guardare, Torino, Einaudi 2009

72daysoleggio-1 Mathis

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Esther Mathis, 72 days (Oleggio), 2013

Annunci

Due usi ben differenziati della fotografia


Dobbiamo distinguere fra due usi ben differenziati della fotografia. Ci sono fotografie che appartengono alla sfera privata e fotografie a uso pubblico. La foto privata (il ritratto di una madre, l’immagine di una figlia, la foto di gruppo della propria squadra) è apprezzata e letta in un contesto che è coerente con quello da cui la macchina fotografica l’ha rimossa. (La violenza della rimozione viene espressa talvolta da un moto di incredulità: ma quello è davvero papà?) Ciononostante la fotografia mantiene ancora il significato dell’evento dal quale è stata separata. La macchina fotografica è uno strumento meccanico e viene usata per contribuire a una memoria vivente. La foto è un promemoria tratto da una vita mentre viene vissuta.

In genere la fotografia pubblica contemporanea presenta un evento, cattura una serie di apparizioni che non hanno nulla a che fare con noi, suoi lettori, o con il significato originale dell’evento. Offre informazioni, ma informazioni avulse da qualsiasi esperienza vissuta. Se la foto pubblica contribuisce a una memoria, si tratta della memoria di un assoluto estraneo che non ci è dato di conoscere. La violenza si esprime in questa estraneità. La fotografia registra una visione istantanea che ha fatto esclamare a quell’estraneo: guarda!

John Berger, Sul guardare, Milano, Bruno Mondadori 2009

Senza titolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© Moira Ricci, 20.12.53 – 10.08.04